Carrello

Ad agosto fai le pulizie al naturale

Un anno per diventare Zero Waste imperfettə… Siamo già ad agosto!

Come è andata con i bagagli a luglio? Sei già partitə o ancora devi pensare alle tue vacanze?

Noi siamo stati fuori sei giorni la prima settimana di luglio, tra la montagna e il mare dell’Abruzzo. Ho condiviso alcune tappe del viaggio sul mio profilo Instagram, e avrei voluto condividere anche qualche spunto per viaggiare zero waste, ma onestamente… non ce l’ho fatta!

Ho avuto un po’ un rifiuto dei social in questo mese. Sarà stata la home sempre piena di contenuti che insistono sugli stessi temi… o il fatto che dopo quasi quindici anni in cui parlo sempre degli stessi temi a volte mi sento tanto stanca. Perché qualcosa si muove, ma non abbastanza come dovrebbe.

E se devo riassumere in una parola come mi sento… la parola giusta è sopraffatta.

Così, ho ripreso a fare la cosa che più di tutte mi aiuta a mettere ordine nei pensieri: il decluttering (ne avevo parlato a gennaio, ricordi?). Lo so che il mio armadio è già minimalista, e che ho dato via tante delle cose superflue che avevo in casa. Ma la mia casa (con tre figlie!) è ben lontana dall’essere minimalista e in ordine, e in questo momento avrei bisogno soltanto di ordine e semplicità.

Fammi sapere come è andata per te in questo mese, se hai messo in pratica qualche cambiamento e quali sono le tue riflessioni! Ma veniamo al tema di agosto, che si collega molto bene al mood di questi giorni!

Agosto per tantə di noi è un mese che ci regala qualche giorno di pausa dal lavoro. Le giornate sono ancora lunghe e calde, e (anche se non siamo in ferie) è più facile approfittare del bel tempo per dedicarci un po’ di più alla cura della casa.

Io, come ti raccontavo qui sopra, spesso ne approfitto per partire con il decluttering e poi fare una pulizia generale della casa. Una sorta di “pulizie di Pasqua” tardive, perché a Pasqua generalmente qui piove sempre.

Non sono una patita delle pulizie onestamente (credo che pulire sia nella top 3 delle cose che odio di più fare in casa), e con tre figlie, un cane e quattro gatti non potrei comunque esserlo… ma gli spunti che voglio darti questo mese sono proprio sulla casa e sulle pulizie sostenibili.

Fai spazio

Se venti anni fa qualcunə mi avesse detto che avrei sognato una casa senza soprammobili l’avrei presə per pazzə. Non sono mai stata una fan dei ninnoli, intendiamoci! E le decorazioni che ho scelto per la mia casa negli anni sono state sempre abbastanza semplici e discrete. Ma in venti anni ho accumulato souvenir, piccoli oggetti, soprammobili… una quantità di oggetti inutili che sono entrati per svariati motivi in casa, e che spesso mi trovo a spostare da una parte all’altra chiedendomi se ho ancora un motivo tenerli ancora. Lo stesso vale per i vestiti che non mi entrano più, tenuti nella speranza di rientrarci, o per i regali che non incontrano i miei gusti. Semplificare e fare decluttering è senza dubbio il primo passo per una casa più pulita e in ordine. Meno superfici ingombre, meno spazi pieni di oggetti, armadi più semplici da pulire. What else?

Un posto per ogni cosa

Ogni volta che devo iniziare le pulizie c’è una sola cosa che mi mette davvero pensiero. Non è pulire, ma quello che viene prima! Sistemare e spostare tutto quello che non è al suo posto, liberare il pavimento, raccogliere gli oggetti sparsi. Ci sono alcuni angoli (il mobile dell’ingresso e la madia in cucina ad esempio) che sembrano avere una calamita per gli oggetti, abbandonati lì casualmente da tutti. Oggetti che spesso hanno un loro posto e vengono lasciati in giro dopo essere stati usati, ma anche cose che non hanno un posto. Ecco, trovare un posto ad ogni cosa (e riportarcela) è il primo passo per rendere le nostre pulizie meno stressanti.

Pochi minuti al giorno

Fino a qualche anno fa concentravo l’80% delle pulizie nel fine settimana. Alla lunga, devo ammetterlo, mi ha portato quasi ad odiare l’arrivo del weekend, perché lo associavo soltanto alla sistemazione e alla pulizia. Se da un lato dedicare mezza giornata alle pulizie mi faceva risparmiare tempo, però… dall’altro diventava una fonte di stress. Così, quando riesco, cerco di suddividere la casa in zone e dedicarmi a quelle per una mezz’ora anche durante la settimana. Dedico una mezz’ora qua alle camere, un’ora là ai bagni… e quando arriva il fine settimana spesso è già tutto pulito e in ordine!

Pochi prodotti ma buoni

La parola d’ordine nelle pulizie di casa è: semplificare. Uso pochissimi prodotti, alcuni multiuso che vanno bene per diverse superfici. L’importante è che siano ecologici e che il loro impatto ambientale sia il minore possibile. Trovi alcuni dei miei prodotti preferiti qui.

Autoproduci

Oltre ai detergenti ecologici e “pronti”, a casa nostra non mancano mai due dei prodotti secondo me indispensabili per le pulizie sostenibili: acido citrico e percarbonato. Anticalcare, brillantante e ammorbidente il primo. Smacchiante, sbiancante e igienizzante il secondo. Sono due delle alternative naturali più efficaci e semplici da usare. Trovi due approfondimenti su entrambi i prodotti nel blog (il link lo trovi nelle rispettive sezioni che ho linkato qui sopra).

Ricarica e riduci i flaconi

Quando possibile scegli di ricaricare i flaconi dei tuoi detergenti. I prodotti per la detergenza si trovano ormai in diversi formati di ricarica: solubili, concentrati in bottiglietta di vetro oppure in bag in box di cartone e taniche. Ogni soluzione va bene, perché ci fa risparmiare comunque tanti flaconi di plastica. Basta solo provare e trovare quella che fa per noi!

Prova i detergenti solidi per i piatti

Hai mai provato il detergente per i piatti solido? E’ un detergente in panetto che va bagnato e strofinato (esattamente come una saponetta, ma è un detersivo!) e sgrassa perfettamente piatti e stoviglie. Ormai c’è davvero l’imbarazzo della scelta tra i diversi marchi, basta solo provare e vedere qual è il tuo preferito!
Anche qui, come per i prodotti ricaricabili, si possono risparmiare tanti flaconi in plastica ogni anno.

Bucato fresco e “leggero”

Il detergente per il bucato è (insieme a quello per le stoviglie) il primo prodotto che si sceglie di cambiare quando si passa ai detersivi ecologici. Spesso perché si sta cercando un prodotto più delicato anche per la pelle, oltre che per l’ambiente. La cosa bella è che il benessere della nostra pelle e quello dell’ambiente vanno a braccetto, e la scelta che si rivela migliore per noi (e per le nostre allergie o dermatiti) è anche quella che ha un impatto minore. I detersivi per bucato ecologici sono prodotti con sostanze di origine vegetale altamente biodegradabili ed olii essenziali. Le formule sono testate ed efficaci, e sono molto concentrati: ne basta davvero pochissimo per un lavaggio.

In più, ormai, trovi davvero tutti i formati: flaconi in bioplastica, taniche, bag in box, polvere, fogli. Tu quale preferisci?

Qualche trucco in più

E adesso che abbiamo scelto detersivi per la casa, i piatti e il bucato più ecologici? Innanzitutto cercare di minimizzare il più possibile i prodotti, scegliendo quelli che fanno al caso nostro e terminando tutto quello che abbiamo in casa prima di passare ai detersivi ecologici!

Sapessi quanti tappeti ho lavato con quell’ultimo flacone di detersivo convenzionale che era rimasto in casa, quindici anni fa, quando sono passata ai detersivi ecologici! Sembrava non finire più!

Ma oltre ai detersivi ci sono anche tanti altri accessori che piano piano possiamo sostituire in casa con le loro alternative sostenibili: spugne compostabili, spazzole in legno e naturali, mollette, sacchetti per il lavaggio, palline per l’asciugatrice… ma possiamo anche riutilizzare quello che abbiamo già in casa! Le vecchie lenzuola sono perfette come panni per asciugare o spolverare, e durano un’infinità!

Nello shop trovi comunque tanti accessori per le pulizie ecologiche in materiali naturali, se vuoi dare un’occhiata!

A me non resta che augurarti buon agosto, fammi sapere cosa usi già e cosa vorresti provare!

A presto!
Gloria

P.S. Ti sei persə i mesi precedenti? Nessun problema, eccoli qui sotto!

GENNAIO – A Gennaio inizia con il decluttering
FEBBRAIO – A Febbraio non acquistare nulla
MARZO – A Marzo porta la sporta
APRILE – Ad Aprile tieni d’occhio i tuoi rifiuti
MAGGIO – Maggio plastic free
GIUGNO – A giugno pensa ad una cucina zero waste
LUGLIO – A luglio parti leggerə

I prossimi spunti arriveranno sempre nella newsletter il primo giorno del mese. Sono spunti semplici, per coinvolgere anche i più piccoli (o i più grandi, a seconda che tu voglia metterli in pratica con i tuoi figli o i tuoi genitori!)


Iscriviti alla newsletter

Due volte a settimana ti mando una mail per aggiornarti su cosa c’è di nuovo. Non solo in negozio, con le novità, gli approfondimenti o le offerte in corso nello shop.

Ti scrivo anche per raccontarti un po’ di me, di quello che faccio, dei nuovi progetti  e di come va avanti il mio percorso verso una vita più sostenibile.

Troverai anche i prossimi passi per diventare Zero Waste imperfettə, uno per ogni mese di questo 2022. Che aspetti?

One comment

  1. Rosella Venturini

    ❤️🙌💐👏🍀 Grazie
    Rosy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Eco and eco di Gloria Rossi – Corso Don Minzoni, 16 – 60041 Sassoferrato (AN) – P.IVA 02185140429 – C.F.
RSSGLR78A43I461V Numero iscrizione REA Ancona 195449 – [email protected]

Avvia chat
1
Ciao!
Se ti interessa ricevere gli aggiornamenti di eco and eco su Whatsapp scrivimi qui (o mandami un messaggio al numero 3314697492)!
Gloria
P.S. dimmi nome e cognome, così posso aggiungerti in rubrica!