Carrello

Torta alle pesche di recupero


Siamo agli sgoccioli per le pesche, ormai anche il fornitore del nostro GAS ce ne porta ben poche nella cassetta settimanale, ma non possiamo fare a meno di gustarcele fino  in fondo, visto che dovremo poi aspettare luglio del prossimo anno per riassaggiarle!
Dopo averne fatto una buonissima marmellata il mese passato, ci siamo sbizzarriti a mangiarle (oltre che crude in quantità) in tanti modi. Uno di questi è questa buonissima torta, in cui non utilizziamo la pesca intera, bensì lo scarto del centrifugato fresco.
Ottima ricetta per riutilizzare tutti i tipi di scarti da centrifugato (magari cambiando il tipo di frutta secca a seconda del frutto con cui realizziamo la torta), rimane molto morbida anche nei giorni successivi. La torta ideale per i primi tè dell’autunno!
Buon fine settimana a tutti!
INGREDIENTI
600 grammi di scarto del centrifugato di pesche
180 grammi di zucchero di canna grezzo
250 farina di tipo 0
60 grammi di burro
125 grammi di yogurt
50 grammi di mandorle sgusciate
3 uova
1 bustina di polvere lievitante
PROCEDIMENTO
Tritare le mandorle con lo zucchero, in un mixer. Unire uova, burro (morbido a temperatura ambiente) e yogurt.  Sbattere fino a che non si ottiene una crema omogenea, quindi aggiungere farina e polvere lievitante, mescolando.
Versare l’impasto in una pirofila imburrata e infarinata (io ne ho usata una quadrata da 22cm) e versare sopra, a tocchi, lo scarto del centrifugato. Cuocere a 180 gradi per 45-50 minuti circa.

One comment

  1. Geniale, assolutamente geniale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Eco and eco di Gloria Rossi – Corso Don Minzoni, 16 – 60041 Sassoferrato (AN) – P.IVA 02185140429 – C.F.
RSSGLR78A43I461V Numero iscrizione REA Ancona 195449 – [email protected]

Avvia chat
1
Ciao!
Se ti interessa ricevere gli aggiornamenti di eco and eco su Whatsapp scrivimi qui (o mandami un messaggio al numero 3314697492)!
Gloria
P.S. dimmi nome e cognome, così posso aggiungerti in rubrica!