Home blogeco bimbi Sotto la neve… dar da mangiare agli uccellini

Sotto la neve… dar da mangiare agli uccellini

da ecoandeco


In questi giorni di neve ne sta facendo veramente tanta, così tanta non ne vedevamo dal 2005 da queste parti. Non si fa in tempo a spalare che dopo poche ore siamo da punto e a capo, e intanto dalla finestra vediamo gli uccellini che volano in cerca di cibo. Così ieri mattina, attrezzate, abbiamo ripulito la dispensa di fette biscottate, semi vari (in casa nostra non mancano mai, li aggiungiamo sempre al pane o alle insalate), fiocchi di avena, briciole di pane e abbiamo riempito due ciotoline di semi e briciole e di acqua.
Li abbiamo posizionati poi nel terrazzo dietro casa, quello in cui il nostro orto sul balcone sta riposando sotto la coltre di neve (qui sotto le fragole e il compost), visto che su quello di fronte c’è la lettiera di Zorba (anche se con questo freddo sta in casa, qualche volta esce, non si sa mai…).

Già ieri pomeriggio abbiamo visto le prime impronte, segno che i semini preparati per gli uccelli sono stati utili! Che emozione per Sveva e Siria, che sono state ricompensate subito dagli uccellini che sono venuti a farci visita. Ora basta ricordarsi di metterne di nuovi, togliere la neve ed aggiungere un po’ di acqua fresca ogni giorno…

Ti potrebbero interessare

2 commenti

associazione vocedonna 6 Febbraio 2012 - 11:36

AVVISO IMPORTANTE!!!
IN INVERNO NON diamo PANE E BRICIOLE DA MANGIARE AGLI UCCELLINI!Il pane e gli altri prodotti da forno una volta nel gozzo dell’uccellino richiamano acqua per essere inumiditi e digeriti. Si forma così un blocco di “pane bagnato” che a sua volta richiama calore per raggiungere la temperatura corporea, e con questo freddo l’uccellino finisce per morire di freddo perchè non riesce a scaldare il corpo e il pane freddo e umido.
Se volete aiutarli fornitegli semi interi che non richiamano acqua nel gozzo! I semi li vendono nei negozi di mangimi e anche alla Coop. Naturalmente se c’è la neve mettete i semi in un piattino e non alla portata di gatti!
GRAZIE!

Rispondi
Gloria 10 Febbraio 2012 - 15:05

Cara associazione vocedonna,
come scritto anche nell’articolo noi abbiamo mischiato alcune briciole ad un sacchettino di semini alimentari, la Coop più vicina è a 20 chilometri da qui, con un metro e mezzo di neve raggiungerla non è banale, e quindi visti gli stormi di pettirossi che si affollavano nel piazzale abbiamo cercato di rimediare con quello che era in casa, naturalmente come abbiamo scritto non mettendo le ciotole vicine alla cuccia del gatto, ma lontane. In questi giorni è veramente tutto quello che potevamo fare…

Rispondi

Lascia un commento

Avvia chat
1
Ciao!
Se ti interessa ricevere gli aggiornamenti di eco and eco su Whatsapp scrivimi qui (o mandami un messaggio al numero 3314697492)!
Gloria
P.S. dimmi nome e cognome, così posso aggiungerti in rubrica!