living eco

La pasta madre

In occasione del World Bread Day (giornata mondiale del pane) abbiamo parlato della nostra esperienza con la pasta madre, e di come abbiamo coinvolto nella panificazione naturale amici e parenti.

Il nostro lievito naturale l’abbiamo fatto partendo da zero, perché non conoscevamo nessuno che ce ne regalasse un pezzettino, ma consiglio vivamente a tutti quelli che si sono incuriositi di cercare qualcuno che gliene regali un po’, prima di fare da soli. La nostra pasta madre adesso che ha un anno è diventata bella forte e vigorosa, ma i primi pani erano una delusione…

In ogni caso, io sono partita, come indicato in dettaglio da izn in questo post sul sito di francescav, da una base di acqua e farina mescolate insieme ad un cucchiaino di olio e di malto d’orzo (anche se la ricetta indicava il miele).

Da lì, ho fatto i rinfreschi indicati nella successione esatta (ora più, ora meno) e poi sono arrivata a rinfrescare il mio lievito una volta a settimana. Adesso, ogni settimana, faccio il pane con 50-80 gr di lievito madre, e rinfresco quello che resta. Di solito, rinfresco il panetto da 250 gr aggiungendo 250 gr di farina e 130 gr di acqua a temperatura ambiente. Impasto bene e rimetto in frigorifero in un barattolo di vetro ben coperto.

E voi? Come avete iniziato con la vostra pasta madre? Quale procedura usate per il rinfresco? Con quali dosi?

Prossimamente vi parleremo anche delle ricette che abbiamo sperimentato in questo primo anno di pasta madre, così da condividere con voi anche questa esperienza!

 

Tag: , , , ,

9 Commenti a “La pasta madre”

  1. FrancescaV scrive:

    ma che bello questo barattolo tutto vivo di pasta madre!

  2. ma l’hai scritto per me questo post? avevo proprio bisogno di una dritta veloce, di un bignamino…

    ps per chi legge: faccio parte della schiera dei “coinvolti” nella panificazione naturale da GLoria… Evvai!

  3. [...] Il fine settimana a casa nostra è quello in cui abbiamo più tempo da dedicare alla cucina, e quello in cui sforniamo di solito pizze, dolci e biscottini vari. Il venerdì, invece, è il giorno che dedichiamo al rinfresco della pasta madre. [...]

  4. walter scrive:

    Ciao, anch’io ho iniziato da zero e gli ho fatto fare anche un giro intorno all’europa! ;)

  5. erica scrive:

    vorrei avere indicazione sull’uso della pasta madre che una’amica mi ha dato.Il mio problema è che faccio il pane con la macchina per pane che prepara 350 gr di farina con 230 ml di acqua e 10 gr di lievito naturale in 3.30 minuti. ora non ho capito se posso usare la pasta madre anche nella macchina pre pane perchè la mia amica fa un impasto con farina acqua e pasta madre che lascia lievitare per 12 ore poi reimpasta e lascia riposare altre 4 ore, solo a questo punto passa alla cottura. grazie per l’aiuto ! aspetto indicazioi . Erica

  6. Posso? Io quando ho poco tempo impasto con la macchina del pane col programma impasto (che interrompo dopo 20′ circa): metto acqua, pm e zucchero (o malto d’orzo)e lascio che si sciolga bene bene, poi aggiungo le farine e quando è ben amalgamato tiro via il malloppino di pm per la volta dopo. Solo alla fine aggiungo il sale e un filo d’olio e lascio che si impasti bene. Poi levo il tutto e faccio lievitare 12 ore + 8, più o meno. e’ comodissimo!
    ciao!

  7. Gloria scrive:

    @Erica io con la macchina del pane ho provato un paio di volte, ma il mio problema è la cottura, che spesso risulta un po’ “scarsetta” per il pane con la pasta madre. Vero è che ho fatto le prove quando la pm era giovanissima, magari adesso potrei ritentare.
    In ogni caso la lievitazione lenta deve essere rispettata, quindi dovresti far impastare, spegnere e lasciare riposare il cestello in luogo tiepido, reinserire il cestello, rimpastare e lasciare lievitare almeno 4-5 ore, poi cuocere.
    Questo se vuoi fare tutto con la macchina del pane.

    @Elisa: prima usavo anche io spesso la macchina del pane come impastatrice, togliendo poi l’impasto che cuocevo in forno. Poi a settembre un mio caro amico foodblogger mi ha passato la sua vecchia impastatrice, e tuttora mi chiedo come ho fatto a stare senza prima!!

Lascia un Commento